NUOVI ORARI D'APERTURA SEDE DI MANTOVA
14 Gennaio 2019
LA NOSTRA SEDE PROVINCIALE E' APERTA DAL LUNEDI' AL VENERDI' DALLE ORE 9.00 ALLE ORE 12.00 E DALLE ORE 15.30 ALLE ORE 18.00
IMPORTO TESSERA ASSOCIATIVA
14 Gennaio 2019
DAL 1 GENNAIO 2016 L'IMPORTO DELLA TESSERA ASSOCIATIVA E' DI EURO 47,80
COLLABORAZIONE PATRONATO INCA
14 Gennaio 2019
Collabora con il patronato INCA per la presentazione delle pratiche INPS, domande per assegni familiari, ricostituzioni pensionistiche, reversibilità, assegno sociale.
COSA FA
L'Anmic (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) è l'Ente morale che per legge - decreto del Presidente della Repubblica 23/12/78 - ha il fine di rappresentare e tutelare in Italia gli interessi morali ed economici dell'intera categoria degli invalidi civili.
CHI RIGUARDA
Invalido civile è ciascun soggetto affetto da qualsiasi minorazione psico-fisica, congenita o acquisita purchè non dipendente da cause di guerra, lavoro o servizio. La nostra Associazione è perciò la maggiore organizzazione di settore, sia per il numero di associati (circa 300mila), sia per l'ampiezza delle tipologie di disabilità interessate (non legate alle singole patologie).
UNA LUNGA STORIA
L'Anmic è stata fondata sin dal 1956 da Alvido Lambrilli, che l'ha diretta per oltre 40 anni, aprendo la strada nel nostro Paese al superamento dei pregiudizi culturali sull'handicap, al riconoscimento giuridico della categoria degli invalidi civili e alla rivendicazione di pari opportunità per questi cittadini. Grazie infatti al suo impegno e alle continue battaglie sociali intraprese - dalle storiche "Marce del dolore" per i diritti civili dei disabili negli anni '60 alle successive manifestazioni di piazza - l'Associazione ha mantenuto nel tempo una costante capacità di proposta legislativa e politica a tutela dell'handicap.
I DIRITTI CONQUISTATI
In concreto, l'Anmic ha contribuito a elaborare e far approvare tutta fa legislazione italiana oggi vigente nel settore dell'invalidità civile; dalla prima legge sul collocamento obbligatorio al lavoro dei disabili nel 1968 alla legge 118 dei '71 sull'assistenza sanitaria, protesica, economica e riabilitativa; da quella sull'abbattimento delle barriere architettoniche fino alla legge 18 del 1980 che ha istituito l'indennità di accompagnamento per i disabili gravi.
UN IMPEGNO COSTANTE
Di queste norme che oggi assicurano diritti e pari dignità ai cittadino invalido l'Anmic difende oggi l'applicazione, sia sul piano sindacale che legislativo ed operativo. Più in generale, difende la qualità di vita dei cittadini disabili e promuove nel Paese il loro ruolo come risorsa per l'intera collettività. L'Anmic rappresenta pertanto un irrinunciabile interlocutore della società civile e delle stesse istituzioni in materia di handicap.